Nei mesi trascorsi è stato difficile individuare e segnalare notizie particolarmente positive. Adesso l'elezione di un siciliano alla Presidenza della Repubblica. Fatto nuovo ma che non rappresenta in assoluto un elemento positivo per la Sicilia, abbiamo avuto e abbiamo fior di ministri ed alti esponenti della politica assolutamente noncuranti del futuro della Sicilia. Fatto positivo lo diventa solo perchè il personaggio è considerato da tutte le forze politiche e culturali di assoluta garanzia, integerrimo ed onesto. Anche se è un siciliano?! Quindi esistono siciliani onesti e di garanzia? Eppure alcuni di noi Siciliani lo ripetiamo da generazioni, fin dal 1865, ma non siamo creduti nemmeno dai nostri conterranei.

La commissione europea ha annullato il Corridoio 1 Berlino – Palermo deviando il percorso a Napoli verso Bari per arrivare a La Valletta. Sicilia e Calabria fuori dall'Europa? Qualche sciocco esulta per l'annullamento del ponte sullo stretto, non sono favorevole al ponte ma questa è tutta un'altra storia. La deviazione del percorso non esclude solo il ponte, esclude la Sicilia. Sono convinto che nessuno viene in Sicilia via terra e che le merci possono viaggiare via mare. Il corridoio può essere completato via mare, la Sicilia può diventare un nodo navale nel Mediterraneo, ma è necessario mobilitarsi, scriviamo al Comunità Europea, al Presidente della Regione, a chi vogliamo ma comunichiamo che non vogliano essere tagliati fuori dal percorso Nord – Sud.   

Email per contattare la Commissione Trasporti della Commissione Europea

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..e

Email per contattare il Presidente Kallas della Commissione Trasporti rinvia al precedente.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

L'Europa, con la Turchia, corre il rischio di fare la figura di certe ragazze che sapendo di essere belle non trovano mai l'impossibile principe azzurro.

Riteniamo la Turchia non adatta all'Europa, intanto cresce velocissima, perde interesse per l'Europa, ed aumenta quello per l'oriente e per i paesi mediorientali, più vicini come cultura. Chi dice che l'Europa è il centro di gravità permanente? Perchè noi siciliani dobbiamo guardare verso quel nord lontano e spocchioso e non guardare al sud vicino e condiviso? Perchè ci ostiniamo a corteggiare questa Europa che stà invecchiando? Conviviamoci, ma corteggiamo il sud di cui facciamo parte. Un po' di narcisismo può farci solo bene dopo tanta autocommiserazione.

Legge regionale per lo studio del siciliano nelle scuole, in realtà come recita il testo “si propone di promuovere la valorizzazione e l'insegnamento della storia, della letteratura e della lingua siciliana

nelle scuole di ogni ordine e grado.”. Finalmente. Lo scrittore Vincenzo Consolo ritiene la proposta una deriva leghista, cosa teme? Il riconoscimento delle radici culturali non implica distacco o disconoscimento delle unità, non credo sia ancora necessario rileggere “Impero” per accorgersi che la nuova evoluzione socio-politica nata con le grandi aggregazioni conduce, dopo i Principati, i Regni, gli Imperi e gli Stati Sovrani, al riconoscimento delle comunità etniche senza che questo coincida con il disfacimento dell'unità più ampie. Non credo nemmeno che si debba rispolverare la storia o studiare la “Soft Pawer” per riconoscere che la cancellazione della cultura e della lingua locale è potere.

Il prof. Giovanni Ruffino prende leggermente le distanze perché non sono stati consultati i linguisti, difesa d'ufficio o voluta confusione tra scelte strategiche e scelte operative? Giusto consultarli per definire l'applicazione della legge che, condivido, “non può essere fatta a cuor leggero”, ma la scelta di base riguarda, semmai, tutti gli ambiti culturali e non limitatamente quelli lunguistici. Plaudo alla proposta di legge.

 

Un piccolo gruppo, fantastici di presenza, ottimi i ritmi. CIAUDA', siciliani, poco inseriti nel mercato ma da tenere in forte considerazione e assolutamente da vedere. 

96 Normal 0 14 false false false IT JA X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin:0cm; mso-para-margin-bottom:.0001pt; mso-pagination:widow-orphan; font-size:12.0pt; font-family:Calibri; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-fareast-language:EN-US;}

www.ciauda.it